Fare carriera in hotel: se è difficile, forse non hai le competenze giuste

//Fare carriera in hotel: se è difficile, forse non hai le competenze giuste

Fare carriera in hotel: se è difficile, forse non hai le competenze giuste

 

Fare il salto di qualità dopo anni di duro lavoro e sacrifici: non per tutti è possibile. Sono tanti i capiservizio preparati, competenti, che però non riescono a dare una svolta alla propria carriera in maniera incisiva. Perché? In parecchi casi, il motivo è davvero semplice: nel loro bagaglio di competenze ne mancano alcune fondamentali, che però a volte vengono poco considerate.

 

>>> COMPETENZE DI REPARTO, MA NON SOLO
Chi lavora all’interno di una struttura alberghiera sa benissimo che operare in armonia con lo staff del quale fa parte o che coordina è uno dei segreti per garantire il buon funzionamento di un reparto.
“L’unione fa la forza”, non c’è dubbio. I membri di un gruppo che portano avanti le proprie attività in maniera ordinata, nel rispetto di standard di servizio ben definiti e con sicurezza sono sicuramente più motivati, più sereni e più efficienti.

 

Allo stesso tempo, chi coordina e supervisiona un reparto ha sempre la funzione di tenere il gruppo unito, motivarlo, controllarlo. In altre parole, ogni caposervizio non soltanto deve assicurare che tutti i membri del reparto che dirige siano in grado di rispondere alle esigenze della clientela e sappiano portare a termine le loro mansioni, ma deve innanzitutto preoccuparsi di gestire correttamente le risorse umane di cui dispone.

 

>>> SAPER SELEZIONARE, GESTIRE, MOTIVARE E CONTROLLARE LO STAFF SERVE A FARE CARRIERA
In estrema sintesi, il punto è proprio questo: se un caposervizio è in possesso di competenze che gli permettono di gestire ed orientare lo staff verso la massima efficienza, riuscirà in breve tempo a fare carriera, a farsi notare all’interno della struttura per la quale opera e, alla fine, di avere tutte le carte in regola per essere un buon direttore.
Non stiamo parlando di competenze tecniche o di competenze proprie di ogni reparto. Stiamo parlando di competenze di tipo comportamentale, che consentono ai capiservizio di connotarsi come leader e di avere sempre sotto controllo lo staff che supervisionano.

 

A queste competenze fanno capo quelle tipiche dell’ambito dello HR Management: selezione, gestione, coordinamento, motivazione e valutazione sistematica delle risorse, unite ad una buona dose di comprensione e capacità di mediazione, che spesso fanno la differenza.
Ma non si tratta di competenze che si acquisiscono esclusivamente sul campo, si tratta piuttosto di competenze da approfondire per presentarsi con un bagaglio più ricco quando si presenterà l’occasione di fare un salto di qualità verso la vetta.

 

>>> UN CONSIGLIO PER ARRIVARE IN CIMA ALLA PIRAMIDE
Hospitality School ha deciso di pianificare un corso di formazione ad hoc per i professionisti che vogliono approfondire queste tematiche. Proprio per meglio rispondere alle esigenze di chi lavora in hotel, abbiamo deciso di offrire il percorso formativo in Formula Weekend, in più momenti dell’anno e in diverse città.

 

 

 

Sicuro di avere già tutte le carte in regola? Prova a dare un’occhiata qui

 

 

 

2017-12-11T12:22:26+00:00 ottobre 7th, 2013|Categories: Qualità|Tags: , , , , , |Commenti disabilitati su Fare carriera in hotel: se è difficile, forse non hai le competenze giuste